martedì 28 marzo 2017     •  Login
 
   
 
   
   
   
 
 
Text/HTML

21/06/2013

Situazione Calderone 2013: non proprio ottimale, molto meglio del 2007 e sicuramente anche dello scorso anno (2012). La misure effettuatre sul campo danno una media dai 5 ai 6,5m di nevato, con punte di 7m e minimi di 4,5m, un innevamento simile al 2008, ma lontano dai nevosi 2009, 2011 e 2010 dove si superavano sistematicamente i 8m e molti punti erano fuori sonda (oltre 9m) . La densità sembra essere buona (0,5kg/dm3), non sono noti però dati antecedenti.

foto di Cristiano Iurisci, 15/06/2013

 

20/08/2013

La situazione è tra le migliori degli ultimi cinque anni, 2009 compreso, grazie ad un giugno e una prima parte luglio leggermente sottomedia, ma principalmente grazie all'alta densità della neve, causata dalle continue gelate notturne e leggeri disgeli diurni del periodo aprile-maggio. Ciò hanno impedito che la neve "soffrisse" i primi veri caldi estivi, come era accaduto nel 2009, nel 2010 e nel 2011 quando, nonostante un innevamento sicuramente maggiore, le forti anomalie termiche di maggio e giugno hanno impedito alla neve di aumentare la propria densità e quindi hanno causato una rapida ablazione.

/

Foto di Morante M. del 16.8.2013

 

17/09/2013

 

14 settembre, monitoraggio Calderone, di Cristiano Iurisci.

Spessore parte superiore ghiacciaio: ottimo.

parte innevata superiore di maggior ampiezza rispetto alla parte inferiore del ghiacciaio.

densità ghiacciaio: ottima.

presente neve fresca.

Annata complessivamente positiva, nei limiti degli anni correnti.